Monte Calamita (Capoliveri) – raduno mtb

Ieri con alcuni amici ho partecipato ad un raduno di mtb sul Monte Calamita (Capoliveri). Gli organizzatori hanno guidato gli oltre 50 partecipanti al raduno lungo il tracciato della Capoliveri Legend Cup. La gara, che si svolgerà il prossimo 16 maggio, si snoderà lungo un percorso di 46 km tutto attorno alle pendici del Calamita. Non ero mai andato in mtb sul Calamita e probabilmente mi ero perso un vero paradiso per gli amanti di questa disciplina. Il monte è infatti caratterizzato da un vero e proprio dedalo di sentieri e strade bianche adatti sia  ai principianti che ai più preparati. Oltretutto il panorama che si gode dal Calamita è veramente splendido: in alcune discese sembra quasi di “buttarsi in mare”. Inoltre il sole splendente  di ieri ha reso sicuramente ancora più belli e spettacolari alcuni scorci panoramici. Forse il tratto più interessante del percorso è stato quello che giunge fino alle miniere di ferro del Ginevro (seconda foto sotto). 

Al termine della pedalata abbiamo pranzato con le famiglie agli stands della festa del cacciatore degustando delle ottime pietanze a base di fagiano e cinghiale.

Ciao, Lorenzo

IMG_0822.JPG
IMG_0814.JPG

Enfola (Portoferraio) – escursione in mtb

Ieri ho fatto con Paolo e con mio padre una bella escursione in montainbike passando dal monte Poppe, dall’Acquaviva ed arrivando fino al promontorio dell’Enfola. La bella strada sterrata per salire sul promontorio dell’Enfola parte alla destra della “tonnara” (che a breve diventerà sede del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano) e sale con una leggera pendenza disegnando 8 tornanti. Lungo la salita sono presenti alcuni alloggi militari utilizzati durante la Seconda Guerra Mondiale ed alla fine della strada una polveriera ancora ben conservata. Da li parte un sentiero che porta fino a capo d’Enfola. Un’ottima descrizione delle postazioni militari ancora oggi esistenti nella zona è presente sul bel sito www.elbafortificata.it e precisamente al seguente link  http://www.elbafortificata.it/enfola2.htm

A chi interessasse posto la traccia GPS: enfola.zip. Il file, dopo essere stato decompresso (con winzip), può essere aperto e visualizzato con il software gratuito Google Earth scaricabile dal seguente link http://earth.google.com/intl/it/.

Ciao Lorenzo

 

IMG_0804_2.JPG
IMG_0810.JPG
IMG_0794.JPG

Rally: test scuderia Abarth all’Elba

Abbiamo pubblicato nel nostro fotoalbum alcune foto scattate da Marta nel corso di alcuni test tenuti dalla scuderia Abarth (Fiat) all’isola d’Elba dal 6 al 8 aprile. Il primo giorno di prove si è svolto sul tratto di strada tra Colle Palombaia e San Piero mentre il secondo e terzo sulla strada tra Marciana e La Zanca. Alla guida della Abarth Grande Punto S2000 c’era il Pilota Luca Rossetti campione Italiano ed Europeo in carica. Le S2000 sono auto impiegate in molti campionati nazionali (tra cui quello italiano) e nell’IRC. In base alle ultime decisioni assunte dalla FIA, a partire dal 2010 le S2000 dovrebbero essere impiegate anche nel Campionato del Mondo assieme alle attuali (e più potenti) WRC. Dal 2011 le uniche auto a poter disputare il Campionato del Mondo dovrebbero invece essere le S2000.

test_Abarth016elba_aprile_2009-vi.jpg

Ecco il link http://fotoalbum.alice.it/martaelorenzo/test-abarth-elba/ dove troverete tutte le foto

Ciao

Caprette selvatiche

Abbiamo inserito nel nostro fotoalbum alcune belle foto scattate da Marta tra Pomonte e Chiessi di un gruppo di simpatiche caprette selvatiche. Gli animali pascolavano liberamente in un’area tra la macchia ed il mare.

caprette032elba-vi.jpg

Intanto segnalo che sabato scorso Marta ha preso la patente per la moto (ricordate la Suzuki TU 250). Speriamo a breve di riuscire a fare qualche bel giro in moto assieme.

Ciao.

Lorenzo

Rally Elba Ronde 2009

Si è disputato sabato e domenica scorsi la terza edizione del Rally Elba Ronde. Alla gara hanno partecipato circa 90 auto. Tra le quali alcune bellissime WRC e Super 2000. Molti gli elbani che hanno partecipato tra i quali si è distinto il campese Mannoni (foto sotto) che ha ottenuto un brillante e meritato secondo posto. La vittoria  è andata a Zanchi su Subaru WRC. Al terzo posto si è classificato Galleni (vincitore nel 2008) su Skoda Fabia WRC. Ottima anche la prova dei fratelli Giacomelli di Procchio che con una vecchia Clio Williams hanno ottenuto il sesto posto assoluto. In conclusione molto buona è stata l’organizzazione e grande la presenza di pubblico lungo tutti i dieci chilometri del percorso.

 

Rally_Elba_Ronde_209035-vi.jpg

Molte altre foto sono state pubblicate nel fotoalbum

Ciao

Spiaggia del Cotoncello

Ciao a tutti,

abbiamo pubblicato sul fotoalbum delle belle foto della spiaggia e degli scogli del Cotoncello. Si tratta di una delle più piccole ma belle spiagge dell’Elba. La spiaggia (di sabbia) e la scogliera circostante sono raggiungibili o da Sant’Andrea attraverso una bella passeggiata lungo gli scogli oppure dalla strada che va a Sant’Andrea prendendo una deviazione asfaltata sulla destra (via del Cotoncello).

cotoncello006elba.JPG

cotoncello064elba.JPG

la nuova moto di Marta

Dopo una lunga ricerca su internet sono finalmente riuscito a trovare la moto che voleva Marta. E’ una Suzuki TU 250 X del 1997. L’ho acquistata a Bolzano grazie all’aiuto di Marco. Siamo infatti partiti assieme con il suo furgone (detto “Naruki”) e siamo andati ad acquistarla. La moto, pur avendo oltre 10 anni di età, è veramente in ottimo stato. E’ una moto di stile vintage (sospensioni tradizionali, grosso fanale anteriore tondo, ruote a razze e tante cromature) che desta in tutti grande simpatia … Marta è rimasta subito entusiasta della nuova moto che dice essere perfetta per lei. Ecco due foto di Marta con la nuova moto. A presto.

suzuki_tu.JPG

suzuki_tu_2.JPG


Suzuki TU 250 X

Dati tecnici

Tempi: 4
Cilindri: 1
Cilindrata: 250
Cavalli: 20,5 a giri: 8000
KWatt: 15
KGM: 2 a giri: 7400
Marce: 5
Freni: D-T
Misure Cerchi (ant./post. in pollici): 18-17
Velocità (km/h): 130
Accelerazione 0-400m (sec.): 18
Peso: 129
Lunghezza: 2030
Larghezza: 775
Altezza: 750
Capacità serbatoio: 12


ritorno a casa

Siamo ritornati a casa da un paio di giorni, ma solo ora troviamo il tempo per aggiornare il blog. Dopo la notte passata ad Ascoli Piceno (veramente una bella città della quale consigliamo la visita), abbiamo fatto un percorso automobilistico che ci ha portato a lambire il Gran Sasso d’Italia (Abruzzo), il lago di Campotosto e a rientrare in Umbria attraverso le Force Canapine, per poi raggiungere Norcia e infine Spoleto. Abbiamo pertanto dormito il sabato sera a Spoleto (da segnalare lo splendido duomo). La mattina dopo (domenica) ci siamo diretti verso le famose Cascate delle Marmore. Le cascate (provincia di Terni) sono un vero spettacolo della natura. In realtà si tratta di cascate regimate in modo artificiale nel senso che l’acqua viene rilasciata solo per poche ore al giorno (in questo periodo del’anno solo un’ora la mattina ed una il pomeriggio).

IMG_1196.JPG

Dopo la visita alle cascate ci siamo diretti verso sud e siamo andati a Tivoli a vedere la famosa Villa Adriana.  La villa è la residenza imperiale fatta costruire dall’imperatore Adriano tra il 118 e il 138 dopo cristo.
Dopo la morte di Adriano, la villa non venne più utilizzata dai suoi successori e non si ebbero più notizie a partire dal IV secolo d.C.
Dovettero passare mille anni affinché la villa venisse riscoperta e identificata, ma nel frattempo la stessa veniva usata come cava di marmo e materiale da costruzione. Nel 1870 la villa passò allo allo Stato Italiano. Ora la villa è visitabile interamente.

IMG_1222.JPG

IMG_1228.JPG

Il giorno successivo avevamo intenzione di visitare la altre due ville di Tivoli e cioè Villa Gregoriana e Villa d’Este ma erano entrambe chiuse in quanto lunedì. Pertanto abbiamo deciso di dirigersi verso nord in direzione del lago di Bracciano. Purtoppo anche il famoso castello Odescalchi a Bracciano era chiuso e quindi l’abbiamo visitato solo dall’esterno.

IMG_1322.JPG

Nel pomeriggio abbiamo invece visitato la cittadina di Civita di Bagnoregio, detta “la città che muore”. La città è di fatto disabitata in quanto sorge su uno sperone tufaceo che pian piano si sta sgretolando a causa dell’erosione dei due torrenti che scorrono nelle valli sottostanti. La città è collegata al sottotante parcheggio da una passerella esclusivamente pedonale. La visita alla cittadina è veramente consigliata per la assoluta particolarità del posto. Molto interessanti anche i calanchi nelle valli sottostanti.

IMG_1328.JPG

Dopo la visita a Civita ci siamo diretti verso nord e siamo finalmente rientrati nella bella toscana. Abbiamo trascorso la notte in un grazioso B&B nei pressi di Manciano. La struttura si chiama Ca’Milla ed è gestita da una accogliente e gentilissima signora. La particolarità del posto stà soprattutto nella cura degli arredi e nella stupenda colazione a base di dolci fatti in casa e di formaggi e ricotta locali. Consigliatissimo!!!. L’ultima giornata l’abbiamo trascorsa in modo rilassante alle Terme di Saturnia. A causa del brutto tempo che aveva interrotto i collegamenti navali con l’Elba abbiamo dormito a Pisa a casa di Luca per poi rientrare sull’isola il mercoledì mattina. Tutte le foto del viaggio di nozze sono nel nostro fotoalbum. Appena avremo un pò di tempo cercheremo anche di ordinarle meglio (per ora sono solo in ordine cronologico). Ciao a tutti. Speriamo che il nostro viaggio vi sia piaciuto. Concludiamo dicendovi che noi siamo stati benissimo e abbiamo visitato dei posti davvero particolari.

Umbria e Marche

Salve a tutti,

oggi rileggendo il nostro blog ci siamo accorti di aver dimenticato di descrivere le tappe di Perugia ed Assisi, beh, rimediamo subito:

Siamo partiti in direzione di Magione perchè Sara, la mia amica delle Marche, ci aveva consigliato la trattoria “da Maria” (lago Trasimeno) tipica per l’ottima torta al Testo (con verdure e salsiccia). Appena arrivati abbiamo cenato e poi pernottato nell’adiacente alberghetto. Che dire la torta era davvero eccezionale. Consigliatissima.

La mattina dopo abbiamo visitato Perugia (affolata città universitaria) utilizzando un bus turistico (comodo per evitare lunghe camminate in salita vista la morfologia della città). Proseguendo il viaggio, la tappa successiva è stata ad Assisi. Nella cittadina è forte la spirituslità dei due suoi santi: San Francesco e Santa Chiara. La città è veramente particolare e una visita è d’obbligo.

Dopo aver trascorso la notte a Città di Castello siamo ripartiti per Gubbio dove Marta si è diletatta a comprare in un negozzietto di una artigiana in ninnoli e aggeggi vari.  Nel pomeriggio sono riuscito a trascinarla alle grotte di Frasassi. Veramente spettacolari. Purtroppo le foto nel fotoalbum, causa divieto, sono taroccate (nel senso che sono fatte davanti alle gigantografie dell’interno presenti all’ingresso della grotta).

 

IMG_1010.JPG

La notte abbiamo dormito in un grazioso agriturismo sul monte Conero (Ancona).

La mattina di oggi (di buon ora) siamo ripartito per una fugace visita alla Santa Casa e alla Madonna di Loreto. Questa icona della fede cristiana sinceramente non ci ha dato le stesse sensazioni provate ad Assisi. Successivamente ci siamo recati a Recanatoi dove abbiamo visitato la mostra adiacente la casa del sommo poeta Giacomo Leopardi. Meritiva il biglietto pagato.

All’ora di pranzo siamo stati ospiti della madre di Sara (l’amica marchigiana di Marta) che ci ha deliziat con prelibatezze tipiche della zona. Come per esempio le “Creme” (crema pasticcera indorata e fritta) e le famose “Olive Ascolane” (quelle buone non quei troiai che ci rifilano nei nostri supermercati e ristoranti).

Nel pomeriggio dopo una breve vistita alla cittadina universitaria di Macerata (però il famoso Sferisterio era ignobilmente chiuso …. vergogna!) abbiamo girellato di nuovo con Sara per mezze campagne marchigiane a fare shopping nel regno delle scarpe. Missione compiuta e molte meno spazione nel bagagliaio della piccola cinquecento.

Chiudiamo raccondandovi brevemente che ci troviamo nella graziosa e molto viva Ascoli Piceno (famosissima la Piazza del Popolo …. vedi foto). Dormiremo in un bel Hotel ricavato in una residenza del trecento. Buona notte.IMG_1063.JPG