la nuova moto di Marta

Dopo una lunga ricerca su internet sono finalmente riuscito a trovare la moto che voleva Marta. E’ una Suzuki TU 250 X del 1997. L’ho acquistata a Bolzano grazie all’aiuto di Marco. Siamo infatti partiti assieme con il suo furgone (detto “Naruki”) e siamo andati ad acquistarla. La moto, pur avendo oltre 10 anni di età, è veramente in ottimo stato. E’ una moto di stile vintage (sospensioni tradizionali, grosso fanale anteriore tondo, ruote a razze e tante cromature) che desta in tutti grande simpatia … Marta è rimasta subito entusiasta della nuova moto che dice essere perfetta per lei. Ecco due foto di Marta con la nuova moto. A presto.

suzuki_tu.JPG

suzuki_tu_2.JPG


Suzuki TU 250 X

Dati tecnici

Tempi: 4
Cilindri: 1
Cilindrata: 250
Cavalli: 20,5 a giri: 8000
KWatt: 15
KGM: 2 a giri: 7400
Marce: 5
Freni: D-T
Misure Cerchi (ant./post. in pollici): 18-17
Velocità (km/h): 130
Accelerazione 0-400m (sec.): 18
Peso: 129
Lunghezza: 2030
Larghezza: 775
Altezza: 750
Capacità serbatoio: 12


ritorno a casa

Siamo ritornati a casa da un paio di giorni, ma solo ora troviamo il tempo per aggiornare il blog. Dopo la notte passata ad Ascoli Piceno (veramente una bella città della quale consigliamo la visita), abbiamo fatto un percorso automobilistico che ci ha portato a lambire il Gran Sasso d’Italia (Abruzzo), il lago di Campotosto e a rientrare in Umbria attraverso le Force Canapine, per poi raggiungere Norcia e infine Spoleto. Abbiamo pertanto dormito il sabato sera a Spoleto (da segnalare lo splendido duomo). La mattina dopo (domenica) ci siamo diretti verso le famose Cascate delle Marmore. Le cascate (provincia di Terni) sono un vero spettacolo della natura. In realtà si tratta di cascate regimate in modo artificiale nel senso che l’acqua viene rilasciata solo per poche ore al giorno (in questo periodo del’anno solo un’ora la mattina ed una il pomeriggio).

IMG_1196.JPG

Dopo la visita alle cascate ci siamo diretti verso sud e siamo andati a Tivoli a vedere la famosa Villa Adriana.  La villa è la residenza imperiale fatta costruire dall’imperatore Adriano tra il 118 e il 138 dopo cristo.
Dopo la morte di Adriano, la villa non venne più utilizzata dai suoi successori e non si ebbero più notizie a partire dal IV secolo d.C.
Dovettero passare mille anni affinché la villa venisse riscoperta e identificata, ma nel frattempo la stessa veniva usata come cava di marmo e materiale da costruzione. Nel 1870 la villa passò allo allo Stato Italiano. Ora la villa è visitabile interamente.

IMG_1222.JPG

IMG_1228.JPG

Il giorno successivo avevamo intenzione di visitare la altre due ville di Tivoli e cioè Villa Gregoriana e Villa d’Este ma erano entrambe chiuse in quanto lunedì. Pertanto abbiamo deciso di dirigersi verso nord in direzione del lago di Bracciano. Purtoppo anche il famoso castello Odescalchi a Bracciano era chiuso e quindi l’abbiamo visitato solo dall’esterno.

IMG_1322.JPG

Nel pomeriggio abbiamo invece visitato la cittadina di Civita di Bagnoregio, detta “la città che muore”. La città è di fatto disabitata in quanto sorge su uno sperone tufaceo che pian piano si sta sgretolando a causa dell’erosione dei due torrenti che scorrono nelle valli sottostanti. La città è collegata al sottotante parcheggio da una passerella esclusivamente pedonale. La visita alla cittadina è veramente consigliata per la assoluta particolarità del posto. Molto interessanti anche i calanchi nelle valli sottostanti.

IMG_1328.JPG

Dopo la visita a Civita ci siamo diretti verso nord e siamo finalmente rientrati nella bella toscana. Abbiamo trascorso la notte in un grazioso B&B nei pressi di Manciano. La struttura si chiama Ca’Milla ed è gestita da una accogliente e gentilissima signora. La particolarità del posto stà soprattutto nella cura degli arredi e nella stupenda colazione a base di dolci fatti in casa e di formaggi e ricotta locali. Consigliatissimo!!!. L’ultima giornata l’abbiamo trascorsa in modo rilassante alle Terme di Saturnia. A causa del brutto tempo che aveva interrotto i collegamenti navali con l’Elba abbiamo dormito a Pisa a casa di Luca per poi rientrare sull’isola il mercoledì mattina. Tutte le foto del viaggio di nozze sono nel nostro fotoalbum. Appena avremo un pò di tempo cercheremo anche di ordinarle meglio (per ora sono solo in ordine cronologico). Ciao a tutti. Speriamo che il nostro viaggio vi sia piaciuto. Concludiamo dicendovi che noi siamo stati benissimo e abbiamo visitato dei posti davvero particolari.